Menu Chiudi

29 Aprile 2020

Su: Canale 21 VG ore 14
Il Covid 19, emergenza nell’emergenza. La dimensione psichica»

Intervista alla dottoressa Annamaria Ascione – Psicologo

Napoli Canale 21: 
https://youtu.be/VhDHfn5WES4

16 Aprile 2020

Su: Corriere del Mezzogiorno
L’isolamento vissuto come dramma: «Suicidi aumentati del 10 per cento»

Intervista alla dottoressa Annamaria Ascione – Psicologo
Articolo di Monica Scozzafava 

 

« 1 di 3 »

12 Febbraio 2020

Su: Scafati.info
“Bambini sicuri in rete e responsabilità civili genitoriali” 
IV Circolo Didattico C. Senatore

Articolo a cura di Gilda Cecoro

22 Novembre 2019

Su: StabiaChannel.it Libera informazione

Scafati – Onlus ‘Concordia magna res crescunt’, prossimo meeting al Pharmexpo.
Il convegno, in programma domenica 24 Novembre, assegna 6 crediti E.C.M. a tutte le professioni sanitarie.

di Maria Felice Ferrara

Cambio di location per il prossimo meeting organizzato dall’ Associazione Onlus “Concordia magna res crescunt”. Si tratta della cornice della dodicesima edizione del Pharmexpo, l’unica manifestazione dedicata all’industria farmaceutica del centro-sud Italia, che mette in contatto farmacisti, medici ed operatori con le aziende del settore, e che si svolgerà alla Mostra D’oltremare a Napoli dal 22 al 24 Novembre 2019.
Una tre giorni, quindi, all’insegna dell’innovazione e della condivisione, in cui assume particolare risonanza il convegno “La custodia del bene comune e del corpo: arma contro la malattia”, promosso dall’ Associazione Onlus “Concordia magna res crescunt, in collaborazione con la Società scientifica “Tommaso Anardi”, e che si concentrerà sul binomio ambiente-salute. Il tema sarà dibattuto mediante l’intervento del Presidente dell’Ente “Parco Vesuvio”, il dott. Agostino Casillo, che aprirà le danze della discussione con la relazione magistrale sul rischio ambientale. Gli faranno da eco, la dott.ssa Daniela Ugliano che parlerà dell’importanza dei vaccini e della prevenzione; la dott.ssa Francesca Cavallaro che illustrerà l’interferenza ambientale nella formazione della personalità; la dott.ssa Maria Elena Laus che presenterà la sua relazione “La salute come benessere. L’ICF – strumento innovativo”la dott.ssa Cecoro Gilda che chiuderà il dibattito con “Laboratori in movimento. Corpi in azione e relazione”.
Ad arricchire il tavolo di lavoro, il dott. Vincenzo Santonicola, Presidente dell’Associazione Medica Società Scientifica “Anardi”, il dott. Pasquale Contaldi, medico e Presidente dell’associazione onlus “Concordia magna res crescunt” e la dott.ssa Annamaria Ascione.
Ma non è tutto. Un aspetto particolare dell’incontro sarà la presenza delle classi del III e IV Circolo Didattico “Carolina Senatore” di Scafati nelle vesti del Dirigente scolastico, la dott.ssa Mariella Del Gaudio, e di un vasto gruppo di insegnanti che daranno un supporto significativo all’associazione onlus nello svolgimento delle attività dedite alla tutela della salute, alla prevenzione e alla tutela dell’ambiente.

https://www.stabiachannel.it/Cultura/scafati-%E2%80%93-onlus-concordia-magna-res-crescunt-prossimo-meeting-al-pharmexpo-81477.html

11 Novembre 2019

Su: StabiaChannel.it Libera informazione

Scafati – 50° Edizione delle Giornate Mediche di Scafati, sabato il secondo incontro.
Il convegno, in programma sabato 16 Novembre, assegna 6 crediti E.C.M. alle professioni di medico-chirurgo e psicologo.

di Maria Felice Ferrara.

Dopo l’esordio con l’incontro “Giornate pompeiane di Arte e Medicina”, sabato 16 Novembre 2019, a partire dalle ore 9:00, si svolgerà presso la Sala “Don Bosco”, a Scafati, il secondo appuntamento della 50° edizione delle Giornate Mediche di Scafati. Il convegno, promosso dall’Associazione Medica Società Scientifica “Anardi” di Scafati, si concentrerà sul tema de “L’importanza dell’aderenza terapeutica nel paziente con recente diagnosi di psicosi”, offrendo diversi spunti di riflessione sul nuovo assetto culturale che i professionisti della Salute Mentale devono assumere per creare nuovi stili organizzativi tesi ad un approccio integrato e coordinato tra i vari professionisti e le principali agenzie sociali e che abbiano la polarizzazione sugli interventi precoci.
Diverse ricerche, infatti, hanno evidenziato che la maggior parte delle cause di disabilità in ragazzi tra i 10 e i 24 anni sono di natura psichiatrica o comportamentale, per cui l’intervento precoce nell’esordio della psicosi è un elemento fondamentale che i clinici devono tenere in considerazione.
Quali sono gli strumenti e gli approcci adatti con cui ci si deve proporre al bisogno di cura degli adolescenti? La risposta sarà oggetto di discussione nella doppia sessione di confronti tra specialisti in varie discipline scientifiche.
In particolare, il dibattito sarà aperto dalla dott.ssa Annamaria Ascione che parlerà dell’affinità tra la metodologia transfer simbolica e l’aderenza terapeutica mediante l’esperienza nella ASLnapoli3sud; le farà da eco la dott.ssa Paola Solano che invece si soffermerà sull’ importanza del drop out mentre lo Psicologo, il dott. PierGiorgio Curti porrà in evidenza il buon uso della suggestione.
La seconda sessione, sarà arricchita dalle figure professionali dello psichiatra, il dott. Silvestro La Pia, che affronterà il tema della “Early detection” – interventi precoci nella psicosi e nuovi modelli di servizi di salute mentale; dalla psichiatra, la dott.ssa Vincenza Alfano, che aprirà la discussione sulla “Parziale aderenza e rischi di ospedalizzazione”; dallo psichiatra, il dott. Aldo Diavoletto che chiuderà il convegno con gli “Interventi psicosociali nelle psicosi in età evolutiva”.
A moderare il confronto, nella prima sessione, il dott. Vincenzo Santonicola, Presidente dell’Associazione Medica Società Scientifica “Anardi” e il dott. Giulio Corivetti, direttore D.S.M. di Salerno. Nella seconda sessione, invece, interverranno, il dott. Luigi Barbato, psichiatra e psicoterapeuta, e il dott. Pasquale Contaldi, medico e Presidente dell’associazione onlus “Concordia magna res crescunt”

https://www.stabiachannel.it/Cultura/scafati-50-81248.html

21 Ottobre 2019

Su: StabiaChannel.it Libera Informazione

Pompei – Ritorna l’appuntamento con ‘Le Giornate pompeiane di Arte e Medicina’.
Il convegno, in programma sabato 26 Ottobre, assegna 11 crediti E.C.M. a tutte le professioni sanitarie.

di Maria Felice Ferrara

Nella civica cornice della Sala Consiliare del Comune di Pompei, sabato 26 Ottobre a partire dalle ore 9:00, si rinnoverà l’appuntamento annuale con le “Giornate pompeiane di Arte e Medicina”. L’evento promosso dall’Associazione Medica Società Scientifica “Anardi” di Scafati, in collaborazione con la Casa di Cura “Mariarosaria”, sarà palcoscenico di una doppia sessione di confronti tra specialisti in varie discipline scientifiche sul neo Decreto Legge Calabria n. 35/2019 che ha commissariato la sanità calabrese ed introdotto diverse norme di interesse sanitario nazionale.
In particolare, il tema del dibattito sarà la crescente importanza che sta assumendo l’introduzione della figura dello psicologo di base nella medicina di famiglia e, di conseguenza, la creazione di un microteam di medici che possono fare squadra e collaborare nell’assistenza territoriale più prossima ai cittadini.
Da qui, Indispensabile, quindi, anche un approfondimento giuridico della questione, soprattutto dal punto di vista della magistratura e delle responsabilità penali in capo al microteam.
Nella seconda sessione del convegno, inoltre, sarà discussa anche la tematica relativa all’inquinamento e alle ricadute che questo inevitabilmente ha sulla salute dei cittadini. Le figure professionali che arricchiranno la tavola rotonda saranno il dott. Pasquale Contaldi, Presidente dell’associazione onlus “Concordia Magna res crescunt”; la psicologa, dott.ssa Annamaria Ascione; il dott. Raffaele Sdino, Presidente della prima sezione civile- persone e famiglia del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere; la dott.ssa Michela D’Oronzo, PM della Sezione Lavoro del Tribunale di Salerno; il dott. Emilio Cirillo,  responsabile della Casa di Cura “Maria Rosaria”; il dott. Francesco Verdoliva, Presidente della Corte di Appello di Salerno.
A moderare il confronto, nella prima sessione, la dott.ssa Angela Esentato, avvocato civile e rotale, e la dott.ssa Maria Carmela Montera, dirigente medico U.O. di Allergologia e Immunologia Clinica e Presidente dell’A.I.I.T.O. Nella seconda sessione, invece, interverranno il dott. Vincenzo Santonicola, Presidente dell’Associazione Medica Società Scientifica “Anardi”, il dott. Rosati, medico e ginecologo e la dott.ssa Franca Silvana Manco, anatomopatologo nonché Vice presidente dell’Associazione Donne Medico di Napoli.

https://www.stabiachannel.it/Cultura/pompei-ritorna-l%E2%80%99appuntamento-con-le-giornate-pompeiane-di-arte-e-medicina-80823.html

16 ottobre 2019

Su: StabiaChannel.it Libera Informazione

Santa Maria la Carità – Tu chiamale se vuoi .. emozioni!
Emozioni e colori per un pomeriggio sono state le poltrone soffici della Sala Consiliare.

di Maria Felice Ferrara

La Sala Consiliare del Comune di Santa Maria la Carità questo pomeriggio è stato il palcoscenico del convegno “Colora con le emozioni. Percepire e riconoscere le emozioni”, organizzato dall’amministrazione sammaritana su impulso del consigliere comunale Carmen La Mura per aderire alla X edizione della “Settimana del benessere psicologico”, iniziativa progettata dall’Ordine Psicologi Campania in collaborazione con l’Associazione Nazionale Comuni Italiani e realizzata in tutto il territorio regionale dal 14 al 19 Ottobre.
L’incontro si è posto come un momento di confronto sul tema delle emozioni da diversi punti di vista e l’importanza delle applicazioni delle stesse in ambito sociale. L’attività emozionale, infatti, è uno dei fenomeni più dibattuti dalla psicologia, dalla psicoanalisi, dalla neurofisiologia e dalla psichiatria perché rappresenta la risposta istintiva dell’uomo.
«L’emozione è il primo mattoncino su cui si costruisce la personalità del bambino – ha commentato dalla tavola rotonda la dott.ssa Vincenza Alfano, medico specialista in psichiatria e neurologia UOCSM di Torre Annunziata – Si parla tanto di educatrici in senso generale ma bisogna partire dalle emozioni, dall’ educazione alle emozioni. Per tale motivo è necessario organizzare sul territorio e nelle scuole molte giornate di prevenzione che possono essere occasioni per dare un equilibrio maggiore alla crescita dei ragazzi e corregge tutti i malesseri dell’epoca moderna, come il bullismo o la dipendenza da internet e dalla tecnologia».
Sulla stessa lunghezza d’onda si pone anche il dott. Pasquale Contaldi, Presidente dell’associazione Concordia Magna Res Crescunt Onlus che ha come scopo statuario proprio quello di assistere coloro che presentano una minorazione fisica, psichica o sensoriale tale da porli in una condizione di svantaggio sociale o di emarginazione.
A corredare il pomeriggio d’informazione psicologica, tra gli ospiti illustri del convegno, anche il Sindaco di Santa Maria la Carità Giosuè D’Amora, l’Assessore alla Pubblica Istruzione, l’Avv. Sofia Abagnale, Gilda Esposito, Dirigente dell’istituto scolastico C.D.”E.De Filippo e Antonella Bozzaotre, Presidente dell’Ordine Psicologi Campania.

https://www.stabiachannel.it/PoliticaLavoro/santa-maria-la-carita-tu-chiamale-se-vuoi–emozioni-80721.html

12 Ottobre 2019

Su: StabiaChannel.it Libera Informazione

Santa Maria la Carità – ‘Colora con le emozioni’: un pomeriggio all’insegna del benessere psicologico.
Il Comune sammaritano aderisce alla “Settimana del benessere psicologico”. Il Consigliere La Mura: «Il convegno sarà un momento di informazione psicologica particolare».

di Maria Felice Ferrara

“Il colore in sé stesso è espressione di qualche cosa” asseriva Vincent Van Gogh. Non aveva torto il grande pittore olandese dato che il colore è l’unico fenomeno esistente in natura che racchiude in sé un aspetto psicologico piuttosto preponderante.  Ogni tinta, infatti, ha il potere di suscitare una reazione immediata, istintiva ed emotiva. Nessuno può imbattervi e restare indifferente. Ed è proprio la relazione che sussiste tra il colore e le emozioni il tema del convegno “Colora con le emozioni. Percepire e riconoscere le emozioni” che si terrà mercoledi 16 Ottobre 2019, alle ore 16:00, nella sala consiliare del Comune di Santa Maria la Carità. L’evento va a costituire uno delle declinazioni della X edizione della “Settimana del benessere psicologico”, iniziativa organizzata dall’Ordine Psicologi Campania in collaborazione con l’Associazione Nazionale Comuni Italiani e realizzata in tutto il territorio regionale dal 14 al 19 Ottobre.

 «L’organizzazione di questo convegno è stata accolta in maniera favorevole dalla nostra amministrazione perché dà la possibilità di ritagliare uno spazio di informazione psicologica in un’ottica di tutela della salute – commenta la psicologa nonché Consigliere Comunale, dott.ssa Carmen La Mura – Il convegno, grazie all’intervento di professionisti, sarà sia occasione di riflessione collettiva tra istituzioni, cittadini e psicologi sul tema dell’ “inclusione sociale e il benessere psicologico percepito” sia una generale presentazione del progetto che sarà realizzato negli istituti scolastici locali al fine di promuovere tra i più giovani una cultura psicologica che sia di reale supporto non solo alla creazione di uno stato di completo benessere fisico, psichico e sociale ma anche alla promozione della figura dello psicologo nei diversi contesti territoriali».

Alla tavola rotonda, oltre alla giovane La Mura, l’amministrazione sammaritana sarà rappresentata anche dal Sindaco Giosuè D’Amora e dall’Assessore alla Pubblica Istruzione, l’Avv. Sofia Abagnale. Presenti, altresì, Gilda Esposito, Dirigente dell’ istituto scolastico C.D.”E.De Filippo; Antonella Bozzaotre, Presidente dell’Ordine Psicologi Campania; Pasquale Contaldi, Presidente dell’associazione Onlus “Concordia magna res crescunt”; Vincenzo Santonicola, Presidente dell’ A.M.S.S. “T.Anardi”; la dott.ssa Vincenza Alfano, medico specialista in psichiatria e neurologia UOCSM di Torre Annunziata; la psicologa Annamaria Ascione; la neuropsicologa Mariateresa Veropalumbo e gli psicologi Francesco Rizzitano e Francesco Marino.

https://www.stabiachannel.it/PoliticaLavoro/santa-maria-la-carita-colora-con-le-emozioni-un-pomeriggio-allinsegna-del-benessere-psicologico–80631.html

30 Luglio 2019

Su: Sanità Informazione

Psicologo di Famiglia, Conte (Ordine Psicologi Lazio): «Serve cabina di regia che stabilisca procedure e formazione».
Dopo l’approvazione della legge, le regioni iniziano ad attrezzarsi. Il tesoriere dell’Ordine degli psicologi Federico Conte: «L’affiancamento dello psicologo al MMG agirebbe su più fronti, dal supporto nel processo diagnostico fino al trattamento. I modelli di intervento più avanzati nei Paesi più sviluppati prevedono da diversi anni la presa in carico del paziente su più livelli (approccio bio-psico-sociale)»

di Isabella Faggiano

Il decreto Calabria ha istituito lo psicologo di famiglia, ora sarà compito delle Regioni adeguarsi. A distanza di poco più di un mese dalla sua approvazione, Sanità Informazione ha intervistato Federico Conte, tesoriere dell’Ordine degli Psicologi del Lazio, per verificare l’adeguamento regionale alle novità introdotte dal decreto. Ma andiamo con ordine, chiarendo innanzitutto quali sono le reali possibilità offerte dal decreto Calabria e, nello specifico, dall’istituzione dello psicologo di famiglia.

Dott. Conte, quali sono le azioni possibili che potranno promuovere le singole Regioni?

«Il decreto consente, sulla base di accordi regionali o aziendali, di prevedere un incremento del numero massimo di assistiti in carico ad ogni medico di medicina generale nell’ambito di modelli organizzativi multiprofessionali nei quali è prevista la presenza oltre che del collaboratore di studio anche di personale infermieristico e dello psicologo. Il principio che ispira la norma è quello per cui molta della domanda che arriva agli studi dei medici di medicina generale è di natura psicologica, nelle intenzioni del legislatore c’è la volontà di estendere i servizi di psicologia a tutte le fasce di popolazione. Chiaramente serviranno accordi regionali specifici per regolamentare processi e procedure».

LEGGI ANCHE: LO PSICOLOGO DI FAMIGLIA E’ UN DIRITTO RICONOSCIUTO DALLA LEGGE. ALLE REGIONI IL COMPITO DI TROVARE ACCORDI CON GLI MMG

L’Ordine degli psicologi del Lazio ha già promosso delle azioni in tal senso?

«Come Ordine degli Psicologi del Lazio abbiamo sostenuto la proposta di Legge, presentata ad aprile dal consigliere regionale Sara Battisti, che prevede una sperimentazione da attuare attraverso lo Psicologo delle Cure Primarie. Il Decreto Calabria, approvato a giugno, modifica lo scenario di contesto perché rende immediatamente attuabile tale figura, a prescindere dalla sperimentazione iniziale. Starà ora alla Regione decidere quale percorso intraprendere».

Cosa farebbe in concreto lo psicologo accanto al MMG?

«L’affiancamento dello Psicologo al MMG agirebbe su più fronti, dal supporto nel processo diagnostico fino al trattamento. I modelli di intervento più avanzati nei Paesi più sviluppati prevedono da diversi anni la presa in carico del paziente su più livelli (approccio bio-psico-sociale), e ciò perché il concetto di salute oramai è universalmente connesso ad uno stato di benessere complessivo dell’individuo e non più alla sola assenza di malattia. In ambito psicologico, se immaginiamo un continuum che va dal “disagio” al vero e proprio “disturbo”, l’area più difficile da individuare e trattare, dal momento che i “disturbi” sono spesso evidenti, è quella del “disagio” che è poi l’ambito più trattato dal MMG, il quale spesso si trova a prescrivere farmaci che impattano su ansia e umore, o a prescrivere visite specialistiche, frequenti nei casi di somatizzazioni, che portano ad escludere la natura biologica del sintomo. I medicinali, che hanno un effetto palliativo immediato, che può in alcuni casi essere risolutivo, hanno però un’efficacia molto ridotta in una vastità di casi, o comunque non sono risolutivi nel medio lungo periodo. In tutti questi casi l’intervento d’elezione è quello psicologico, che può essere anche molto breve, in alcuni casi possono bastare pochi incontri, ma la necessità di avere uno spazio, un tempo e un professionista con cui poter ristrutturare i significati che diamo a ciò che avviene nella nostra vita è l’unico modo per evitare il rischio che un disagio si trasformi in un disturbo invalidante sul piano sociale».

Ci sono studi o ricerche che dimostrino l’interesse dei pazienti per la figura dello psicologo di famiglia?

«La letteratura internazionale, e in Italia le ricerche del prof. Solano, dimostrano l’efficacia di questi protocolli di intervento. L’efficacia è così alta che il governo inglese ha deciso di stanziare circa un miliardo di sterline per offrire un servizio gratuito alla popolazione per contrastare la Depressione che secondo l’OMS diventerà la seconda patologia più invalidante dopo le malattie cardiovascolari».

Prima del decreto Calabria, leggi regionali avevano offerto – come nel Lazio – la possibilità di sperimentare lo psicologo per le cure primarie. Ci sono delle regioni in cui l’esperienza è già partita?

«Sulla base della ricerca, ormai consolidata, negli ultimi 2 anni alcune Regioni (Veneto, Marche, Abruzzo, Puglia) hanno già iniziato le sperimentazioni, o sono in fase di avvio. Vi sono poi esempi abbastanza eclatanti, come in Puglia dove un MMG dopo una sperimentazione di qualche mese ha deciso di continuare a mantenere lo psicologo nel suo studio, pagandolo autonomamente, poiché l’ha ritenuto estremamente utile al suo lavoro. Un caso paradossale che però ritengo sia paradigmatico del valore aggiunto portato dalla collaborazione tra le due figure».

Nel Lazio, invece, non ci si è mossi né per rendere operativo il decreto Calabria, né per far partire la sperimentazione regionale. Siamo in una situazione di stallo?

«Nel Lazio per quanto riguarda la sperimentazione, la proposta di Legge è stata depositata ad aprile e sembrerebbe possa arrivare ad approvazione già entro l’autunno. Il Decreto Calabria invece è stato approvato il 19 giugno. Come Ordine abbiamo segnalato alla Regione questa opportunità che è stata recepita con un certo interesse. Ora bisognerà capire quale delle due strade percorrere, se far confluire entrambe in un nuovo dispositivo di legge, o adattare una legge all’altra. Su questo sarà la Regione a decidere».

Come uscirne?

«Non spetta a me dire quali provvedimenti dovrà adottare la Regione. Ciò che però mi pare evidente è la strada da percorrere sia ormai chiaramente indicata e che il SSN non può abdicare ulteriormente al suo ruolo di presa in carico delle problematiche dei cittadini, dal momento che il proprio diritto alla Salute, anche mentale, è costituzionalmente riconosciuto. Inoltre va sottolineato che il lavoro del MMG è prezioso perché rappresenta il primo presidio di intervento, si tratta dunque di un intervento anche di tipo preventivo, il che in termini economici è il miglior modo di utilizzare le risorse, che sono sempre più scarse».

Quanto tempo ci vorrà?

«Spero che entro qualche mese la Regione riesca a definire la situazione. Ad ogni modo, mi preme sottolineare l’utilità di una cabina di regia, che non può che essere un tavolo tecnico di lavoro istituito presso Regioni o ASL, che metta insieme rappresentanti qualificati di Società scientifiche, Ordini e Università per stabilire le procedure da seguire e la formazione da erogare per rendere effettivamente operative la collaborazione tra professionisti di diversi settori. Senza questo trait d’union diventa davvero difficile attuare qualunque lodevole iniziativa di rapporto tra professionisti».

www.sanitainformazione.it

30 Giugno 2019

Su: Roma. Quotidiano di informazione fondato nel 1862

www.ilroma.net

30 Giugno 2019

Su: Università degli Studi Guglielmo Marconi

LO PSICOLOGO NELLA MEDICINA DI FAMIGLIA
Il Micro Team – Medico di Famiglia, Infermiere, Psicologo e Segretaria
MASTER di II Livello – Modalità frontale

Lo Psicologo di Famiglia o Psicologo di Cure Primarie è una figura sempre più presente all’interno degli Studi dei Medici di Famiglia. L’evolversi delle problematicità legate alla salute rendono infatti sempre più necessario ed indispensabile potenziare l’assistenza territoriale anche attraverso una nuova Medicina di Famiglia da riorganizzare nel cosiddetto “micro team delle cure primarie”: équipe interdisciplinare, formata da personale infermieristico, operatori socio-sanitari, psicologi, personale amministrativo che, in un rapporto di continua reciproca integrazione e collaborazione con il Medico di Famiglia fornisce un’assistenza globale ai pazienti ed ai loro familiari, senza alterare la compliance medico/paziente e consentendo un miglioramento della qualità delle cure e del rapporto costi/benefici in area sanitaria.
A tali fini il Master si pone l’obiettivo di far acquisire ai partecipanti gli strumenti teorico-pratici di base necessari ad operare in modo informato e consapevole nel contesto specifico dello Studio del Medico di Famiglia e dei servizi di primary care in generale.

L’attività formativa sarà in presenza presso la sede di Napoli dell’Università sita in Via Alfonso d’Avalos, 25.

Per il bando, info e contatti:
https://www.unimarconi.it/it/lo-psicologo-nella-medicina-di-famiglia

30 Gennaio 2019

Su: Liceo Diaz di Ottaviano

Avvio Progetto “Sportello di ascolto” per gli alunni del Liceo “Diaz”

Si comunica che è attivo il servizio gratuito di sportello d’ascolto rivolto agli alunni della scuola, curato dalla psicologa dott.ssa C. Guerriero (membro dell’Associazione Medica Società Scientifica T. Anardi– Associazione Concordia Magna Res CrescuntONLUS)  con il seguente calendario:

  • tutti i martedì dalle 08.30 alle 13.30 nella sede di via FF. SS. (centrale);
  • tutti i mercoledì dalle 08.30 alle 13.30 nella sede di via C. Peano (succursale).

Si precisa che il colloquio che si svolge all’interno dello sportello d’ascolto non ha fini terapeutici, ma di counseling.

Modalità di accesso al servizio

  • Il richiedente deve inoltrare la sua richiesta di prenotazione alla prof. ssa M. Cortese, per la sede centrale, ed alla prof. ssa S. De Rosa, per la sede succursale, disponibili a tal fine tutti i giorni in coda al proprio orario di servizio.
  • Al momento del colloquio lo studente minorenne dovrà presentare il modulo di autorizzazione firmato da entrambi i genitori (tale condizione è necessaria per l’accesso allo sportello).

Liceo Diaz di Ottaviano